La Fibra Alimentare

visitatori
0 commenti,

Già agli inizi degli anni ’60 fu notata con interesse l’associazione tra consumo di cibi raffinati e prevalenza, in varie popolazioni occidentali, di alcune malattie metaboliche e gastrointestinali come la stipsi, diverticolosi, cancro del colon, calcolosi colecistica ed in fine diabete, obesità, arterosclerosi , ipercolesterolemia anche se non bisogna trascurare l’interazione di altri fattori come la sedentarietà, l’incremento dell’apporto calorico, l’aumento del consumo di cibi di origine animale. La Fibra Alimentare dovrebbe essere fornita quotidianamente attraverso il consumo di frutta , verdura, legumi, cereali integrali in quanto essi in più forniscono micronutrienti e altri componenti non nutritivi (ad esempio antiossidanti, fitoestrogeni,ecc) che sinergicamente contribuiscono all’ottimale funzionamento del nostro organismo rallentando i processi di invecchiamento e di alterazione cellulare. Tali osservazioni hanno portato negli ultimi anni alla “ riscoperta ” delle fibre alimentari sopratutto come elementi indispensabili per il mantenimento di un buono stato salute. Con il termine di Fibra Alimentare (F.A.) si intendono alcune sostanze vegetali resistenti all’azione idrolitica degli enzimi digestivi dell’uomo. Le fibre alimentari hanno meccanismi di azione molteplici, sono in grado di:

  • Influenzare la consistenza del contenuto intestinale, favorendo l’aumento della massa fecale .
  • Influenzare il tempo di transito gastrico e intestinale.  
  • Interferire con l’assorbimento di vari nutrienti ( colesterolo, zuccheri,ecc.).
  • Modificare la secrezione degli enzimi digestivi e la risposta della secretina e della colecistochinina.
  • Influenzare la crescita della flora batterica intestinale.
  • Accelerare il senso di sazietà.
  • Determinare modificazioni macro e microscopiche della mucosa intestinale.

Sulla base delle loro proprietà fisico-chimiche esse possono essere distinte in IDROSOLUBILI e NON IDROSOLUBILI.LA DIETISTA 
  Nadia Rotatori

Articoli correlati

Aggiungi un commento